Logo Life

Progetto ELBA

Logo Elba
Servizi integrati di mobilità Eco-compatibile per persone e merci nelle isole minori
Descrizione

Il progetto ELBA rappresenta un primo esperimento di trasporto sostenibile delle persone e delle merci realizzato in un’isola minore. L’iniziativa ha affrontato tutte le problematiche connesse alla mobilità che si riscontrano in un’isola a vocazione turistica focalizzandosi, in particolare, sulla salvaguardia ambientale e paesaggistica di un territorio per sua natura delicato ed esposto a rischi.

Progetto Ambiente urbano
    Obiettivi

    Obiettivi principali di ELBA sono  stati lo studio, la realizzazione, la dimostrazione e la valutazione di differenti servizi avanzati, eco-compatibili ed integrati per la mobilità delle persone e delle merci adattati alle specificità e al contesto territoriale dell’isola d’Elba. L’iniziativa è stata ideata sulla base di un’approfondita analisi dei fabbisogni, delle caratteristiche infrastrutturali e paesaggistiche e della relativa domanda di mobilità, quest’ultima molto variabile in funzione dei flussi turistici. L’area progettuale ha coinciso con il porto di Piombino e con i suoi principali scali dell’Isola d’Elba (Portoferraio, Rio Marina e Cavo).

    Fasi del Progetto

    Il progetto ELBA ha sviluppato un approccio integrato e sistemico per promuovere sul campo una mobilità sostenibile e flessibile. Complessivamente sono state realizzate 28 azioni strutturate secondo un articolato piano di lavoro.

    In particolare le attività hanno riguardato:

    • la realizzazione di servizi di trasporto per le persone (residenti e turisti) in differenti aree dell’isola;  
    • l’individuazione di sistemi innovativi di logistica integrata per il transito delle merci fra Piombino e l’isola d’Elba e per la loro distribuzione sul territorio insulare;
    • la produzione di soluzioni tecnologiche (ICT) a supporto dell’operatività dei servizi ELBA;
    • l’utilizzo di veicoli eco-compatibili -  furgoni elettrici e bi-modali (elettrici e diesel Euro4), minibus elettrici e bimodali -   per i passeggeri e le merci.

    I  principali interventi di mobilità sostenibile e flessibile realizzati sono stati:

    • i servizi “ELBA Spiagge” ed “ELBA Est”, con minibus a basso impatto ambientale, bimodali ed elettrici per il trasporto di residenti e turisti nel periodo estivo. “ELBA Spiagge” ha collegato le spiagge del vasto comprensorio della costa Nord attorno a Portoferraio. Il servizio “ELBA Est” ha riguardato, invece, il collegamento tra i porti della zona nord-est dell’isola, Cavo e Rio Marina,  ed i centri dell’entroterra. I due servizi, nel periodo di dimostrazione del progetto, sono stati utilizzati da circa 13.000 fra turisti e residenti.
    • specifici servizi per il trasporto merci quali:
    1.  “ELBA Freight” che ha previsto l’impiego di furgoni ecologici bimodali ed elettrici per la distribuzione delle merci provenienti dalla terraferma. Nel periodo di dimostrazione sono state eseguite circa 9 mila consegne di prodotti per un totale di oltre 250 tonnellate di merce distribuita. A monte è stato attivato “ELBA Consolidamento”, un servizio per l’ottimizzazione del carico di merci effettuato nel porto di Piombino, che ha collaborato alla sperimentazione mettendo a disposizione la base logistica.
      Il consolidamento del carico ha consentito l’accorpamento delle spedizioni effettuate tra la terraferma ed i porti elbani con conseguente riduzione del numero di veicoli verso l’isola;
    2. ELBA Laundry” dedicato agli operatori del settore HO.RE.CA (Hotel, ristorazione, catering), sviluppato in collaborazione con la principale lavanderia industriale dell’isola. Per questo servizio sono stati utilizzati veicoli ecologici bimodali. Nel corso della sperimentazione sono state eseguite circa 600 consegne per un totale di 56 tonnellate di biancheria recapitata;
    3. ELBA Electronics” per la distribuzione interna di prodotti elettronici e grandi elettrodomestici realizzato in collaborazione con il più importante gruppo commerciale presente sull’isola. Per questo servizio sono stati utilizzati furgoni ecologici bimodali. Nel periodo di dimostrazione sono stati eseguiti 135 viaggi per un totale di 675 consegne;
    4. ELBA Bread” per la consegna del pane da parte del più grande forno industriale dell’isola, con impiego di veicoli ecologici diesel di ultima generazione. Nel corso della dimostrazione sono state eseguite circa 2.800 consegne per un totale di oltre 120 ton. di pane.

    Nell’ambito del progetto, inoltre, sono state messe a punto tecnologie e soluzioni ICT innovative per la gestione integrata dei nuovi servizi sperimentati con ELBA. Tra queste la piattaforma ICT “ELBA Shuttle”per l’organizzazione dei servizi di trasporto passeggeri nelle spiagge di Portoferraio e nella zona nord-est dell’isola (Rio Marina- Ortano- Cavo); la piattaforma ICT “ELBA Freight” per l’ottimizzazione dei servizi di trasporto merci che ha incluso anche il monitoraggio satellitare delle flotte dei veicoli coinvolti nella sperimentazione.  Le due piattaforme sono state installate nelle sedi degli operatori di trasporto pubblico locali (ATL/CTT-Nord, corriere espresso Fulceri, operatore logistico Nocentini). Predisposta anche un’ App mobile, utilizzabile da smartphone e tablet mediante l’accesso ai servizi QR- Quick Response Code (codice a barra bidimensionale impiegato per memorizzare informazioni generalmente destinate a essere lette tramite dispositivi mobili) posizionati presso le fermate per informare l’utenza su orari e soste dei nuovi servizi di mobilità offerti nell’ambito del progetto ELBA. I QR sono stati collocati anche nei vari hotel, punti informativi ATL/CTT-Nord e diversi punti di interesse pubblici.

    Risultati Raggiunti

    La valutazione dei risultati ottenuti con la sperimentazione dei nuovi servizi eco-sostenibili ELBA per persone e merci ha evidenziato significativi benefici in termini di riduzione degli impatti ambientali e dei consumi energetici. Tali vantaggi derivano dalla:

    • razionalizzazione delle operazioni di trasporto e distribuzione delle merci,
    • impiego di veicoli commerciali a zero o a basse emissioni,
    • introduzione di servizi di trasporto per le persone attuati con mezzi ibridi ed elettrici, che per la loro elevata qualità e attrattività hanno determinato riduzioni dell’uso dell’auto privata,  abbattendo emissioni e consumi soprattutto nei periodi di maggior affluenza turistica.

    Le valutazioni dei risultati progettuali, effettuate su base annua, hanno evidenziato una riduzione delle emissioni pari a 94,3 ton. di CO2e. Le previsioni al 2020 realizzate nell’ambito del progetto annunciano una riduzione delle emissioni pari a 220,7 ton. di CO2e. ELBA si configura, inoltre, come un progetto dotato di alto livello di replicabilità in contesti geografici ed ambientali simili. I suoi servizi sono stati sperimentati anche nell’isola greca di Corfù dal Corfù Port Authority, partner internazionale del progetto, adattandoli al contesto greco. Infine, la provincia di Livorno ha deciso di recepire in toto le misure promosse da LIFE+ ELBA nel PAES - Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile dell’isola toscana, assicurandone l’adozione oltre il periodo di  sperimentazione. In questo atto di pianificazione territoriale, ufficialmente sottoscritto da tutti gli 8 sindaci dei comuni elbani nell’ambito del “Patto dei sindaci per il Clima e l’Energia”, viene anche dichiarato l’impegno a rendere l’Elba la prima isola “oil free” del Mediterraneo attraverso l’adozione di strategie territoriali volte a connotare l’isola come destinazione privilegiata di un turismo sostenibile e a basso impatto ambientale, a promuovere la qualificazione energetica del territorio e ad agevolarne lo sviluppo economico stimolando l’attrazione di investimenti per interventi eco-sostenibili.

    Geolocalizzazione
    Acronimo
    ELBA
    Protocollo
    LIFE 09 ENV/IT/000111
    Programma di riferimento
    Beneficiario coordinatore
    Autorità Portuale di Piombino
    Contatti
    Giampiero Costagli
    Antonio Liberato
    Budget
    1.570.984,00
    Contributo EU
    781.814,00
    Anno Call
    2009
    Anno di inizio
    2010
    Anno di chiusura
    2014
    Sede del Beneficiario

    Piazzale Premuda, 6/a
    57125 Piombino LI
    Italia

    Regione
    Descrizione Area

    L'intervento è stato realizzato tra l'isola d'Elba e il porto di Piombino.